Story is the New Scary: A Review of “Us”

Ho una confessione da fare: non mi piacciono i film horror. O meglio, non mi piace vederli nei cinema.

Se sono onesto con me stesso, mi diverto un bel film horror; Non mi piace essere spaventato. E se prendo parte a un film dell’orrore, mi piacerebbe avere qualche elemento in controllo della mia paura autoindotta: un dito sul pulsante di pausa o muto e le luci accese. Quindi, anche se mi piacciono di tanto in tanto, è molto raro che vada a vedere un film horror a teatro.

Probabilmente posso contare sulle mie dita quanti film horror ho visto sul grande schermo: il mio primo è stato Signs di M. Night Shamaylan, e quel film mi ha spaventato a morte. Il prossimo è stato The Crazies , che sono ancora scioccato e qualcuno mi ha convinto ad andare. Mio padre e io siamo andati a vedere The Woman in Black (alias Harry Potter e lo Scary Ghost ), Let Me In e Goodnight, Mommy , l’ultimo dei quali è probabilmente il film più spaventoso che abbia mai visto. E gli unici film horror che ho scelto di vedermi sono stati Cabin in the Woods , perché Joss Whedon, così come Non abbiate paura del Dark and Crimson Peak , perché Guillermo del Toro. Sì … questo è tutto. Otto film horror nei cinema. ‘Nuff ha detto.

Ora, avrei dovuto vedere Uscire al cinema. Dopotutto, Jordan Peele non era un’entità sconosciuta per me; Key and Peele è stato a lungo uno dei miei spettacoli comici preferiti, e qualunque cosa facciano uno di loro, sarò interessato a vederlo. E quando finalmente l’ho visto su Bluray, valeva la pena aspettare. Ma non potevo fare a meno di non aver aspettato affatto.

Quindi, ci è arrivato. E ero determinato a vederlo nei cinema; dopo tutto, mi sono già rassegnato a vederlo : il capitolo 2 nei cinema alla fine di quest’anno, e noi sembravamo una buona prova delle acque per me. Inoltre, i trailer sembravano così belli. Ed è venuto fuori il mio compleanno. Era destinato ad essere.

Saltando dentro

Get Out è stato l’invito di Jordan Peele, la sua apertura della porta in questo nuovo regno dell’orrore. Noi , tuttavia, ci sentiamo come il suo primo capolavoro. E lo fa evitando i normali tropi del genere; Ho contato almeno una dozzina di volte che avrebbe potuto usare un salto di paura, ma a malapena ne ha usate due o tre in tutto il film. E francamente, i salti di paura sono la ragione principale per cui non mi piacciono i film horror, quindi vinci vittoria.

Oltre al fatto che mi fanno saltare, saltare le paure, per me sono un orrore a buon mercato. Come gore per amore di gore, sono scioccanti nel momento, ma perdono i denti dopo aver guardato; una volta che sai dove si trova il salto, non ti prende. I segni mi hanno spaventato a morte quando l’ho vista per la prima volta. Ora, sapendo quando l’alieno uscirà dai cespugli, o quando ne vedremo uno in piedi sul tetto fuori dalla finestra, mi incazzo, certo, ma non mi spavento.

Ciò che Jordan Peele ha fatto con noi , tuttavia, è il tipo di orrore che ti attacca. Quasi ogni volta, rinuncia alla paura del salto e lascia che la grafica, il tono e la storia siano spaventosi. Prepara un paio di ore di terrore da armeggiare alla mente che non è tanto lì per farti saltare dal tuo posto come per averlo rimbombare nella tua mente mentre guidi verso casa.

Peele fa luce anche sugli effetti terrificanti; un regista minore avrebbe potuto dare la pelle spezzata “legata” o gli occhi neri e solidi. Ma Peele ha lasciato tutta la scarsità delle persone legate agli attori stessi e una buona illuminazione.

E mantenendo le sue radici come comico, Peele ha scritto molto umorismo in questo film, nonostante la storia terrificante (Keegan Michael Key e Jordan Peele trovavano regolarmente modi per portare umorismo su argomenti privi di umorismo nel loro spettacolo di sketch). Ricordando la trilogia dei Tre Sapori di Cornetto della ditta Pegg, Frost e Wright, il film è un umorismo oscuro al suo culmine. Winston Duke brilla in questo ruolo, dimostrando che abbiamo bisogno di più film con lui in loro.

Siamo irresistibili. E il più avvincente è il finale, che ti chiede di voltarti e vedere di nuovo il film.

SPOILER AVANTI …

Nel vero stile di Jordan Peele, il terzo atto ci attorciglia (letteralmente) nella tana del coniglio mentre svela il perché dietro gli eventi. E non delude. È bizzarro, è unico ed è fresco. È del tutto originale, il che è qualcosa di veramente benvenuto in un anno pieno di esplosioni di sequel e remake.

Ma il vero rompicapo è la scoperta che il personaggio principale, quello che abbiamo seguito in tutto il film (interpretato brillantemente da Lupita Nyong’o), è stato scambiato con il suo io legato all’inizio del film quando era una piccola ragazza.

E amico, la mia testa è stata vacillante da quella scoperta. All’inizio, ti viene da chiedersi quale fosse il cattivo della storia, quello per cui abbiamo fatto il tifo per tutto il film, o quello che ha sostituito, che è stata costretta a vivere sottoterra e si è alzata per combattere. E poi, devi riconoscere che le famiglie non erano cambiate; i bambini e il marito per cui abbiamo fatto il tifo appartenevano alla ragazza del sottosuolo. E la famiglia mostruosa era quella della bambina che era stata rapita e sostituita.

Quello che penso che questo film stia cercando di dire è che non è tutto in bianco e nero. Non c’è vero bene o vero male. E le circostanze hanno il potenziale per influenzare una persona in una direzione o nell’altra.

Guarda un film drasticamente inferiore, Star Trek: Nemesis, che presenta due versioni di Jean-Luc Picard, uno che è il personaggio che conosciamo e amiamo dai film e dalle serie TV precedenti, e l’altro che è stato cresciuto come schiavo su un oscuro mondo sotterraneo. Uno l’eroe e l’altro diventato cattivo. La stessa persona, ma con differenze drastiche in base alle circostanze della loro vita.

Parlerò di noi fino al prossimo film di Peele, qualunque cosa sia. E qualunque cosa sia, non vedo l’ora di vederlo. Si è guadagnato il posto come probabilmente uno dei miei film horror preferiti (non che sia un vasto elenco), e in un anno che è pieno di film che non vedo l’ora di vedere, è già lassù come uno dei migliori di quest’anno.

Inoltre … non guardo fuori dalle finestre di notte per almeno un mese. Diavolo, no.