Come diventare un regista di ON HER SHOULDERS Alexandria Bombach

( Guarda la video intervista su Youtube qui )

ON HER SHOULDERS uscirà venerdì 19 ottobre a New York e mercoledì 24 ottobre a Los Angeles, con un lancio nazionale a seguire.

Nel suo ultimo documentario, la regista Alexandria Bombach ci presenta la coraggiosa Nadia Murad di ventitré anni. La vita di Nadia è una serie vertiginosa di imprese estenuanti: dalla testimonianza dinanzi alle Nazioni Unite alla visita ai campi profughi alle interviste mediatiche animate agli incontri faccia a faccia con i principali funzionari del governo. Con profonda compassione e precisione formale ed eleganza che si abbinano al comportamento calmo e accanito di Nadia, il regista Alexandria Bombach segue questa giovane donna volitiva, sopravvissuta al genocidio degli Yazidi nel nord dell’Iraq del 2014 e sfuggendo alle mani dell’ISIS per diventare un faro inarrestabile di speranza per il suo popolo, anche quando a volte desidera ardentemente mettere da parte questo carico monumentale e semplicemente avere una vita normale

Nadia Murad siede nell’ufficio dell’UNODC, preparandosi per un imminente discorso all’ONU.

Alexandria Bombach – Regista, direttore della fotografia, editore Alexandria Bombach è un premiato direttore della fotografia, editore e regista di Santa Fe, New Mexico. Il suo primo documentario di lungometraggi, FRAME BY FRAME, ha seguito la vita di quattro fotoreporter afgani che stavano affrontando la realtà della costruzione della prima stampa libera dell’Afghanistan. Il film è stato presentato in anteprima mondiale allo SXSW 2015, ha vinto più di venticinque premi ai festival cinematografici e presentato al presidente dell’Afghanistan, Ashraf Ghani. Alexandria ha continuato il suo lavoro in Afghanistan nel 2016, dirigendo l’Op-Doc del New York Times supportato dal Pulitzer Center, AFGHANISTAN BY CHOICE, un ritratto intrecciato di cinque afghani che hanno dovuto soppesare i costi della partenza o del soggiorno a causa del deterioramento della sicurezza del Paese. Oltre al suo documentario, la compagnia di produzione di Alessandria RedReel produce storie pluripremiate e incentrate sui personaggi dal 2009. Il suo film del 2013 COMUNE GROUND ha portato alla luce l’emozione dietro una proposta aggiunta di aree selvagge per una comunità del Montana come patrimonio e tradizione sono apparentemente difeso da entrambe le parti. La sua serie 2012 vincitrice del premio Emmy MOVE SHAKE ha catturato i conflitti interni di persone che dedicano la propria vita a una causa.

Nadia Murad visita un campo profughi di Yazidi in Grecia.

Nadia Murad è un’attivista per i diritti umani. È nominata per il Premio Nobel per la pace, il destinatario del Premio per i diritti umani Vaclav Havel e del Premio Sakharov, nonché primo Ambasciatore di buona volontà delle Nazioni Unite per la dignità dei sopravvissuti alla tratta di esseri umani. Ha anche ricevuto il Clinton Global Citizen Award, il premio per la pace dall’associazione delle Nazioni Unite in Spagna, ed è stata nominata donna dell’anno 2016 dalla rivista Glamour. Insieme a Yazda, un’organizzazione per i diritti yazidi, Nadia sta attualmente lavorando per portare l’ISIS davanti al Tribunale penale internazionale con l’accusa di genocidio e crimini contro l’umanità.

Nadia Murad ascolta i discorsi durante una manifestazione in onore delle vittime yazidi nel 2 ° anniversario dell’inizio del genocidio Yazidi. A lei si uniscono entrambi gli attivisti di Yazda, Ahmed Khudida Burjus e Murad Ismael.

Desideri altri video sul coraggio del film? Guarda nuovi video ogni giorno alle 17:00 – iscriviti al canale Youtube di Film Courage principale . Iscriviti al secondo canale Youtube di Film Courage qui