Cosa possono imparare le imprese B2B da ‘Suicide Squad’ e Movie Studios

Di Michael Huard

Questo post è stato originariamente pubblicato sul Blog di Vendavo.

Disclaimer: non ho visto “Suicide Squad“, ma ho intenzione di vederlo nei cinema. Quindi, anche se non so se la mia opinione personale sul film sia buona o cattiva, so cosa pensavano i critici e quanto bene si è comportato durante il fine settimana al botteghino nonostante le dure critiche.

È un successo entusiasmante per DC e Warner Bros.? O seguirà il suo predecessore “Batman v. Superman: Dawn of Justice” e scenderà sostanzialmente (fino al 65%) prima dell’arrivo del secondo fine settimana? Questo resta da vedere completamente, ma ci sono alcuni principi aziendali adottati da Warner Bros. – e dalla maggior parte degli altri studi cinematografici – che le imprese B2B dovrebbero evitare.

Il volume non è la risposta

Secondo quanto riferito, “Suicide Squad” è costato $ 175 milioni e ne ha guadagnato circa $ 135 milioni in un fine settimana negli Stati Uniti. Sulla carta, questo sembra un successo in buona fede. Ha quasi recuperato il budget ed è uscito solo per 5 giorni.

Tuttavia, quando si tiene conto dei budget per il marketing e la pubblicità, quei 175 milioni di dollari sembrano in realtà molto più grandi. Combinalo con il calo delle vendite di biglietti di cui sopra nei prossimi weekend e i risultati finali sembrano un po ‘più blandi.

In sostanza, i numeri al botteghino mascherano la redditività con promesse di volume.

Le imprese B2B devono evitare questa trappola. Troppe aziende adottano un approccio unico che può danneggiare irreparabilmente la redditività. A differenza degli studi cinematografici, che hanno poco o nessun controllo su come i biglietti dei cinema costano i biglietti, un’organizzazione B2B ha il controllo e deve prenderli per avere successo.

I prezzi target ottimizzati che sono segmentati per prodotto, cliente, settore o area geografica garantiscono che ciascun prezzo sia calibrato con precisione sul cliente per la massima redditività. Segmentando i prezzi, le aziende corrono il rischio di sacrificare percentuali di volume minime, ma aprono i propri profitti alla possibilità di accumulare significativi punti di margine e percentuale di entrate.

Conosci il tuo marchio

Il processo (post) di produzione di “Suicide Squad” è stato un disastro verificato. Dopo il forte contraccolpo di “Batman v. Superman” ci furono nuove riprese e nuove modifiche che cambiarono il film e lo lasciarono – come molti critici pensavano – disgiunto, come se due film fossero cuciti insieme e spinti fuori per rispettare una scadenza. La qualità è stata sacrificata per soddisfare le aspettative percepite e raggiungere l’alto livello stabilito dalla concorrenza.

La morale della storia? Affidati al tuo marchio e ai tuoi dati.

La Warner Bros. ha materiale originale e milioni di fan che suonano l’eccitazione per i loro film DC. È impossibile dirlo con certezza, ma se avessero lasciato le cose com’erano, forse il risultato sarebbe stato accolto con minore derisione dalla base di fan non devoti, aumentando le loro possibilità di raggiungere un pubblico più ampio e vendere più biglietti.

Perché un’azienda B2B rimanga redditizia, ci deve essere fiducia e trasparenza nel processo decisionale. La leadership aziendale deve confidare nei dati secondo cui la scelta finale è quella giusta, senza bisogno di armeggiare per soddisfare le aspettative.

I dati interni e storici sulle transazioni sono fondamentali per comprendere meglio come i prodotti e i prezzi hanno funzionato in passato. Inoltre, il mercato esterno e i dati sulla concorrenza forniscono approfondimenti su come vengono percepiti i prodotti. È importante soddisfare le esigenze dei tuoi clienti, ma non dare per scontato che le tue modifiche si adattino ai desideri della maggioranza. Usa i tuoi dati per raccogliere informazioni che dimostrino il tuo valore; le opportunità di profitto seguiranno.

Non cadere nella stessa trappola

Posso fidarmi dei dati per presumere che ‘Suicide Squad’ scivolerà nella categoria “cosa avrebbe potuto essere”. Non sarà un successo finanziariamente dannoso per gli studi, ma la mancanza di fiducia nella prima edizione del prodotto finale ha segnato la sua reputazione.

Le imprese B2B possono evitare lo stesso destino spostando la loro attenzione dal volume per motivi di volume a un approccio più ottimizzato e mirato. Con questa strategia, le organizzazioni non dovranno sperare in un salvatore esterno – come il botteghino internazionale – per essere redditizio.