FINALI DI FILMSTRUCK: EVERGREEN (1934)

Il servizio di streaming classico / indipendente FilmStruck , ha annunciato la sua chiusura il 29 novembre 2018. Essendo un grande fan del sito, le seguenti recensioni rappresentano il mio tentativo di elaborare e commentare come molti dei titoli rimasti sul mio ” Elenco di controllo “come posso prima che chiudano il negozio. Nel fare ciò; Spero di illustrare e celebrare la profondità e l’ampiezza della selezione che avevano da offrire, anche se detto film era un fetore; perché anche i puzzolenti classici meritano di essere visti.

ATTENZIONE: quest’ultima parte di questa recensione include un’immagine dell’iconografia stereotipata razzista storica tratta dal film, in modo da discutere di detto razzismo.

EVERGREEN (1934)

“Il miglior musical britannico mai realizzato” secondo FilmStruck, una designazione che suggerisce che la competizione deve essere stata davvero dannatamente terribile. Questa immagine di Gaumont cerca di replicare la sensazione dei musical “porta sul palco” che Warner Bros. aveva reso così popolare con successo (a partire dalla 42nd Street ); e in gran parte riesce a farlo, in particolare nel dipartimento “batshit-insane / what-the-Christ-is-going-on?”. La trama (puro tommyrot del get-go) ruota attorno a un rinomato ristoratore edoardiano di una sala da musica che fugge in Sud Africa con sua figlia illegittima a causa delle esigenze importunate di un bambino-papà incapace, ne-do-well; solo per far tornare sua figlia a Blighty tra 20 anni e cercare di farsi notare come l’articolo originale (la sua presunta sfida alla vecchiaia è dove otteniamo il nostro titolo non deciduo). Sia la mamma che la sua prole sono interpretate da Jessie Matthews; una doyenne waifish del palcoscenico britannico (inclusa la versione originale di questo) che canta, balla e agisce in modo sufficientemente passabile da non essere tanto una tripla minaccia quanto un triplo vago avvertimento *. I numeri di ballo ** sono fatti con competenza, immagino, e includono diversi assoli che caratterizzano il Matthews longilineo che si fa strada nella stanza in abiti per i quali è stato inventato il termine “diafano”.

Le nove e cinque già?

In generale, la foto fa un buon lavoro nel ricreare la pazzia di immagini come Gold Diggers del 1933 . Tutto questo è pesantemente pieno di umorismo inglese particolarmente tra le due guerre (che si basa sul fatto che la British Board of Film Classification non aveva la stessa computazione sulle parole “dannazione” e “inferno” che persino i produttori statunitensi pre-codice avevano ); così come alcune delle canzoni più terribili (di Rodgers e Hart, non meno) che siano mai state sfilate in una rana su una Victrola. Particolarmente eclatante è un pezzo apparentemente genuino di Edwardiana chiamato, non ti scherzo, “Papà non mi comprerebbe un arco Wow”.

Anche il cane di peluche sembra imbarazzato di essere in questo.

La fedele scena degli occhiali Busby Berkeley dei primi anni ’30 si estende fino al suo climax goffo e sovra-prodotto (incluso il vecchio standby “Ragazze del coro vestite da vecchie signore che girano su piattaforme in modo da puntare i loro scuri arruffati verso una falange) degli autori di reati sessuali vittoriani “):

“Mai così, gente.

Tutto ciò è stato meticolosamente messo in scena da un mope di nome Buddy Bradley, che sembra essere stato assunto puramente per avere i bonafidi alliterativi della sua controparte americana.

Tutto sommato: assolutamente bizzarro, a volte affascinante, ma il più delle volte, veramente merdoso.

Punteggio di razzismo imprevisto : 2 su 5 “Lawdy Lawds!”: Principalmente per un numero di Charleston selvaggiamente sconsiderato e mal eseguito che coinvolge giganteschi quadranti di caricature nere, ma nessuna vera gente di colore. Sembra che ci sia un ballerino afroamericano per una frazione di secondo, ma temo che un esame più attento di quella scena possa invocare il ripugnante profumo del sughero bruciato. ***

Ragazzo

Appunti:

* Un sentimento non condiviso dai frequentatori del cinema all’epoca, che in genere sembravano pensare che fosse il cummerbund del gatto; RKO considerava Matthews così tanto che avevano sperato di prenderla in braccio come partner per Fred Astaire, ma era troppo vitale per Gaumont.

** Come, ad esempio, una routine che viaggia nel tempo che include una sosta nel 1914 per ricordarci tutto quel periodo deplorevole in cui i giovani hoofer si trasformarono in missili.

“Mi hai visto mamma? Hai fatto? Sono stato il terzo “guscio obice antropomorfo” da quando è partito! ”

*** Una delle grandi cose di FilmStruck è stata la sua insistenza nel proiettare versioni non esaltate di film classici (e non così classici). Mentre questo è stato un vantaggio per i puristi, è stato sia bello che strano che un sito si sia svegliato abbastanza da mostrare attori e creatori di minoranze (come Anna May Wong) ancora fidarsi del suo pubblico per comprendere i limiti culturali contestuali dei film più vecchi; e quindi mai avvisato gli spettatori che parte del contenuto conterrebbe casi improvvisi e potenzialmente sconvolgenti di stereotipi anacronistici e bigottismo. Ecco perché ho incluso una classifica di razzismo inaspettato qui (da uno a cinque “Lawdy Lawds”); solo un promemoria che potresti guardare la più comica rom-com del 1932 quando, di punto in bianco, ti trovi di fronte a un’ignoranza spesso mozzafiato che nessuna quantità di scarpe morbide di Jimmy Cagney potrebbe sorvolare.