La lotteria del giovane Goodman Brown

Il tema è una delle cose importanti che una storia dovrebbe avere. Senza un tema la storia non avrebbe senso. Per quanto riguarda “The Lottery” di Shirley Jackson e “Young Goodman Brown” di Nathanial Hawthorne, entrambi hanno un tema simile. Quello che voglio dire è che in entrambe le storie il tema è che le persone normali possono fare cose cattive / vendicarsi. Alla lotteria, ci si potrebbe aspettare una bella sensazione in un piccolo villaggio senza nulla in giro, ma Shirley Jackson ha aggiunto una grande svolta alla trama. Il villaggio ha un rituale che compiono ogni anno e il vincitore della lotteria viene lapidato a morte e lo fanno per la crescita se le colture Al contrario, nella lotteria l’autore ci fa domande su credenze e azioni. Quello che voglio dire è che quel piccolo villaggio ha un rituale che fa male alle altre persone ed è quello che credono che facendo ciò aiuti il ​​grano e cosa succede se in noi crediamo che qualcosa sia giusto quando in realtà è sbagliato, oppure semplicemente non ha senso.

Nel giovane Goodman Brown il diavolo, un vecchio con un bastone serpente, è l’incarnazione del male e usa il suo potere per far emergere il male negli altri. Questo vecchio dà al giovane Goodman Brown il suo personale e con quello personale può vedere persone del suo villaggio, suo padre e sua moglie mentre cammina da solo attraverso la foresta e può vedere il male in loro. Quando torna al villaggio vede tutti quelli che ha visto nella foresta ed è spaventato. La foresta è caratterizzata come diabolica, spaventosa e oscura e ci si sente a suo agio solo dopo aver ceduto al male. Non si fida di nessuno nel suo villaggio e non può nemmeno credere alle parole del suo ministro, e non ama pienamente sua moglie. “Il male è la natura dell’umanità” (Hawthorne). Ha vissuto il resto della sua vita nell’oscurità e nella paura. Quando vede sua moglie si rifiuta di salutarla a causa di ciò che ha visto nella foresta. Al contrario, l’autore ha un approccio diverso e ci fa guardare alla lotta interiore del personaggio Young Goodman Brown.

In entrambe le storie possiamo vedere che il simbolismo sarebbe il male o il satanismo. In The Lottery, il simbolismo del male sarebbe la lotteria stessa. Quello che intendo con ciò è che la lotteria causa danni e morte alla gente del villaggio. Lo fanno perché può aiutare le colture a crescere di più e chi vince la lotteria è d’accordo, perché credono che aiuterà. La scatola, il tavolo a tre gambe e la gente possono essere tutti un simbolismo del male. Il tavolo a tre gambe può rappresentare la Trinità cristiana e quel tavolo a tre gambe contiene la scatola nera della morte. La scatola nera può simboleggiare l’importanza che le persone della città attribuiscono alla tradizione e il ruolo critico che svolge nelle loro vite. Come le tradizioni della città, la scatola nera è posizionata su una sorta di piedistallo (sgabello a tre gambe) ed è trattata con riverenza dalla gente della città durante la lotteria. Al contrario, la lotteria può anche simboleggiare il bene più grande e il significato di far parte di una comunità. La gente si riunisce come per una festa imminente, un’atmosfera a cui contribuisce l’ambiente. La mattina della lotteria è descritta come “chiara e soleggiata, con un fresco pieno di … verde” (Jackson). La lotteria funziona come una forza unificante che unisce le persone, marito e moglie, genitore e figlio, i vicini sono tutti riuniti come una comunità. Le persone non sono costrette a partecipare all’evento e partecipano tutti volentieri consapevoli della possibile conclusione.

In Young Goodman Brown, il diavolo è quello che provoca danni a Young Goodman quando gli ha dato il suo bastone. “Volò tra i pini neri, brandendo il suo bastone con gesti frenetici, ora dando sfogo a un’ispirazione di orribile bestemmia, e ora gridando così risate che scatenavano tutti gli echi della foresta che ridevano come demoni intorno a lui. Il diavolo nella sua stessa forma è meno orribile di quando infuria nel petto dell’uomo ”(Hawthorne). Quando gli ha dato il suo staff ha iniziato a vedere tutto il male nella gente del villaggio. Quando vede tutto ciò lo fa impazzire e quando torna al villaggio non può vedere la gente del villaggio come la vedeva prima. Che la foresta può anche essere un simbolismo del male perché i puritani credevano che i boschi fossero l’habitat del diavolo. Al contrario, sua moglie è un ovvio simbolo della fede del giovane Goodman. Sebbene Brown muoia un uomo amaro, incolpando la malvagità e l’ipocrisia degli altri, lascia prima la sua fede. Il giovane Goodman simboleggia i giovani, buoni uomini che sono tutti tentati e in qualche misura cedono. Il viaggio di Brown rappresenta la perdita dell’innocenza.

L’antagonista è sempre quello che insegue il protagonista. Nella lotteria possiamo chiaramente dire che l’antagonista è la stessa lotteria. Tutti nel villaggio stanno combattendo contro di esso e sperando che non siano quelli che vincono. La lotteria viene organizzata ogni anno e la persona che viene scelta è quella che viene uccisa quando viene lapidata. Lo fanno ogni anno per aiutare le colture a crescere. “Lotteria a giugno, il mais sarà presto più pesante” (Hawthorne). Al contrario, l’antagonista in questa storia non è come quello di Young Goodman perché in Young Goodman l’antagonista non causa la morte di altre persone e non è qualcosa che fanno ogni giovane Goodman ogni anno.

L’antagonista di Young Goodman Brown sarebbe il diavolo stesso. È quello che insegue Young Goodman in modo che possa mettersi in testa e mostrargli il male. Dopo la sua visita nei boschi, Young Goodman mette in dubbio la sua fede nella sua chiesa e comunità. Tuttavia mantiene per mantenere la sua fede e credenza in dio. Al contrario, nella lotteria le persone possono continuare ad avere fiducia in se stesse per non essere raccolte l’anno successivo o l’anno successivo a quello successivo, ma a un certo punto verranno scelte. In Young Goodman Brown ha perso tutta quella fiducia perché non riesce a togliersi dalla testa tutte quelle cose che ha visto nei boschi.