Rivisitazione dei possibili omicidi di Ted Bundy nel New Jersey

Alla luce del recente speciale di Netflix “Conversations with a Killer: The Ted Bundy Tapes”, Garden State Press ha ricordato due omicidi a metà estate a Jersey Shore nel 1969.

La serie in quattro parti è stata pubblicata nel gennaio del 2019, è un documentario che si concentra su nastri registrati con il famigerato criminale. Bundy è stato legato a oltre trenta omicidi ed è stato condannato per rapimento, tentato omicidio, furto con scasso, omicidio e stupro. Alla fine fu condannato alla sedia elettrica, dove nel gennaio del 1989 morì.

In una calda giornata estiva nel maggio del 1969, due donne – Susan Davis ed Elizabeth Perry – furono assassinate a sangue freddo a Somers Point, nel New Jersey.

Susan ed Elizabeth – nativi della Pennsylvania centrale – stavano celebrando la laurea a Ocean City, nel New Jersey. Dopo un certo numero di giorni al sole e sulla spiaggia i due amici felici hanno iniziato il loro viaggio verso casa.

Non sono mai tornati.

Susan, a soli 19 anni quando è stata assassinata, compirà 69 anni quest’anno.

Giorni dopo la loro scomparsa, le due ragazze sono state trovate sul lato nord della strada, pugnalate a morte e parzialmente vestite in un brutale doppio omicidio. I loro corpi sono stati trovati poco prima del 36 km. Il caso rimane aperto fino ad oggi.

Sono state trovate due ragazze sul lato nord della strada, pugnalate a morte in un brutale doppio omicidio

In The Origins of Infamy , l’avvocato del New Jersey Christian Barth, sostiene che il famigerato Ted Bundy era dietro gli omicidi.

“Devo dirtelo, continuo a cercare un motivo per dire che Bundy non l’ha fatto”, ha detto Barth al Patriot News nel 2009.

I legami di Bundy con l’area del New Jersey risalgono ai tempi del college alla Temple University di Filadelfia da gennaio a maggio 1969 – lo stesso mese in cui i due furono trovati morti vicino alla strada panoramica. (1)

Poco dopo il suo tempo vicino alla Jersey Shore, Bundy si sarebbe trasferito a ovest e avrebbe iniziato una delle più grandi folle uccisioni in serie che questa nazione ha visto.

Ha detto allo psicologo forense Art Norman che le sue prime vittime di omicidio sono state due donne nell’area di Atlantic City, ma in seguito potrebbe essersi contraddetto – sostenendo che i casi del 1969 erano solo “rapimenti” e che il suo primo omicidio non ha avuto luogo fino al suo trasferimento a Seattle .

Dopo la sua morte nel 1989, il suo psicologo ha informato le autorità della contea atlantica della sua confessione.

Il procuratore della Contea di Atlantic, Jeffrey Blitz, ha confermato di essere scettico riguardo alle informazioni fornite.

“Penso che questo dovrebbe essere cristallino”, ha detto Blitz. ‘Basato sull’intervista di oggi, è la [sua] conclusione che Bundy ha ucciso queste ragazze. Bundy non ha detto specificamente che lo ha fatto, in termini di “Ho ucciso queste due persone”.

Sebbene questo caso probabilmente rimarrà freddo per sempre, molti fatti indicano la direzione di Bundy.

Dai un’occhiata a The Origins of Infamy per ulteriori letture.

(1) Rule, Ann (2009). The Stranger Beside Me (edizione con copertina flessibile; ed. 2009 aggiornato). New York: libri tascabili. ISBN 1–4165–5959–0

Ted Bundy, Omicidio, Crimine